Rete idrica Marano, il Gruppo Per Campania propone un progetto ai commissari

0
1.919 Visite

Rete idrica colabrodo a Marano, arriva la proposta del gruppo per Campania. Due ingegneri, tra cui l’ex manager comunale Nello Mirone, chiedono di discuterne con i commissari. Ecco le missive inviate al vertice amministrativo.

Oggetto: Rete idrica Comune Marano
I sottoscritti Luigi Zavarone (ingegnere c/o Telecom) e Nello
Mirone (già ingegnere c/o ENEL) chiedono di conferire con
l’Amministratore pro tempore di Marano per offrire la progettazione
gratuita del collettore principale della rete idrica di Marano.
Tale progettazione viene effettuata in collaborazione con
l’Università di Napoli secondo le indicazioni della missione 2 del
PNRR. Tramite Caritas Italiana sarà inoltre facilitato il colloquio con la
Direzione Generale del Ministero dell’ambiente che sovraintende a
questa tipologia di interventi.
L’appalto per questa progettazione sarà simbolicamente
compensato con 1 (uno) euro da versare alla Caritas Parrocchiale di
San Ludovico d’Angiò. In relazione alla “Laudato sì” ed alla “Fratelli
tutti”, la Chiesa cattolica è infatti interessata alla campagna di stampa,
a scopo educativo, che accompagnerà l’iniziativa.
Pertanto, nel caso che l’Amministratore lo ritenga opportuno, i due
ingegneri del Gruppo di progetto saranno accompagnati dal Parroco di
San Ludovico d’Angiò don Ciro Russo.
Distintamente.

All.to “Situazione della rete idrica di Marano”

Marano, settembre 2021

Al Commissario del Comune di Marano

Oggetto: Situazione della rete idrica di Marano
La rete idrica della città di Marano risale, nella sua architettura sostanziale,
agli anni che precedono la seconda guerra mondiale. Con la crescita demografica
del paese, sono poi state costruite nel tempo innumerevoli diramazioni.
Allo stato attuale il degrado metallurgico della rete, l’età, i percorsi e le
caratteristiche tecniche sono dati noti tra lo zero e il 30%.
Con sicurezza sappiamo però che l’acquedotto del Serino fattura al Comune
_________ € all’anno (___ milioni di metri cubi) e l’acquedotto Campano
_________ € (___ milioni di metri cubi).
A sua volta il Comune fattura ai suoi utenti noti ____ milioni di metri cubi pari a
___ milioni di euro. Il ____% degli utenti paga per un incasso totale di circa
_________ € annui. Il consumo di energia elettrica delle tre stazioni di pompaggio
è a completo carico del Comune.
Nel bilancio comunale le spese previste di esercizio sono pari a zero; quelle di
manutenzione anche. La quota di ammortamento della rete idrica è nulla; il valore
della rete nello stato patrimoniale non è previsto. Non c’è personale comunale
specificamente addetto all’esercizio e alla manutenzione della rete. Non esistono
protocolli di controllo (tranne quelli previsti dalla legge ed effettuati dall’ASL). Non
esistono programmi di manutenzione periodici e/o predittivi.
Conclusioni: La rete idrica di Marano può collassare in qualunque
momento con gravi conseguenze non solo igienico sanitario ma addirittura
con significative conseguenze sulla vita delle persone.
A prescindere sulle conseguenze civili e penali per i numerosi responsabili
della situazione esistente, cosa si propone per invertire la rotta?
Il Commissario nomina una Task Force di tre persone dell’Amministrazione
volenterose e competenti. Costoro sono supportati da un team esterno del terzo
settore formato da tre ing.; un prof universitario; un esperto di bilancio ed uno di
psicologia di massa. Il team non è remunerato ma è giuridicamente integrato e
riconosciuto nella task force.
Nel giro di un mese, esaminando gli aspetti tecnici organizzativi economici
finanziari normativi giuridici, il Gruppo produce un grafo di flusso temporizzato
basato su tre cardini:
1) progetto di una condotta da 100 cm lunga 3 km con tre camere
sotterranee munite di saracinesche da 12;
2) finanziamento per un milione di euro dalla missione 2 del PNRR;
3) campagna mediatica pesante per il coinvolgimento attivo della parte
sana della popolazione.

GRUPPO PER – CAMPANIA

 

 

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti