A Calvizzano giù il capannone abusivo dei Cesarano alla presenza del prefetto Valentini

0
1.826 Visite

Sono iniziate stamani, alla presenza del prefetto di Napoli Marco Valentini e del sindaco Giacomo Pirozzi, le operazioni per l’abbattimento del capannone abusivo di proprietà della famiglia Cesarano, per moltissimi anni leader nel settore delle onoranze funebri.

Il manufatto, sequestrato nel 2014 e successivamente oggetto di ordinanze di demolizione e provvedimenti finalizzati all’acquisizione al patrimonio dell’ente comunale, poi avvenuta nel 2016, doveva essere demolito utilizzando fondi (69 mila euro) derivanti da un vecchio mutuo già contratto con la Cassa depositi e prestiti. L’iter fu però interrotto sulla scorta di un pronunciamento della quinta sezione della Corte d’Appello di Napoli, che aveva contestato, tra l’altro, al Comune di Calvizzano di non essersi costituito parte civile nel processo penale a carico dei Cesarano.

I giudici della decima sezione hanno però ribaltato l’assunto della Corte d’Appello, rivelando che la mancata costituzione nel procedimento penale non inficia in alcun modo il procedimento amministrativo del municipio calvizzanese, che va avanti (come per tutti i casi relativi agli abusi edilizi) indipendentemente dai risvolti di carattere penale. L’iter del Comune, sequestro, ordinanza di demolizione e acquisizione al patrimonio comunale, è stato ritenuto corretto dal tribunale di Napoli. L’immobile abusivo è stato pertanto dissequestrato e oggi è iniziato il lavoro di demolizione.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03