Renzi a carrarmato: “Sfiducia a Bonafede entro marzo”

0
252 Visite

Sfiducia al ministro Alfonso Bonafede se non si troverà un accordo sulle intercettazioni”. Nell’attesissima intervista a “Porta a porta” Matteo Renzi conferma la sua volontà di colpire il Guardasigilli e, con esso, terremotare l’intero esecutivo.

“Se entro Pasqua non si troverà un accordo sulla prescrizione presenterete la sfiducia a Bonafede?” chiede Bruno Vespa al leader di Italia Viva. “Penso proprio che andrà così – risponde Renzi – ma spero che ci sia buon senso e si arrivi a un accordo”. Poi aggiunge: “Se Bonafede sarà sfiduciato non credo cadrà il Governo. Io però sono un ottimista”.

Il resto è la proposta della riforma costituzionale basata sull’elezione diretta del premier – il “sindaco d’Italia” lo chiama Renzi – e altri affilatissimi attacchi a Conte: “Se vogliono che ce ne andiamo va bene, ma ce lo devono dire” insiste. “Se vogliono i nostri voti prendessero le nostre idee, una ogni tanto” aggiunge ancora. Per concludere: “Buttarci fuori? Ci hanno provato, ma non ce l’hanno fatta hanno cercato di raccogliere i senatori responsabili, quelli che avrebbero dovuto prendere il nostro posto, ma se lo vogliono fare non c’è nulla di male. Se dicono togliamoci di torno Renzi perché sulla giustizia o economia non ci dice di sì, è loro diritto di farlo”.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti