M5S: “Collana, volontà politica dietro consegna di un bene pubblico ai privati”

0
289 Visite

La presidente della Commissione Trasparenza Ciarambino e la consigliera regionale Muscarà a margine dell’audizione con un dirigente regionale

“L’ennesima puntata della telenovela sullo stadio Collana, celebrata oggi in Commissione Speciale Trasparenza, è servita solo a prendere coscienza che c’è una volontà politica tesa a sottrarre alla comunità un bene pubblico per farne un uso privatistico. Neppure il direttore generale alle Risorse strumentali della Regione Campania, che dopo averlo convocato più volte ha finalmente ha fatto capolino in audizione, è stato in grado di spiegarci perché sia stata completamente stravolta la gara con la quale è stato aggiudicato il Collana alla società Giano, introducendo atti aggiuntivi che hanno reso quell’atto più simile a un contratto privato che a un bando pubblico. E’ stato consegnato un bene pubblico a un privato, con condizioni di assoluto favore per quest’ultimo. E il paradosso è che mentre nel contratto e nel bando originario si prevedesse la corresponsione da parte della Giano di 7 milioni di euro, oltre a canoni di locazione per 15 anni, con le successive modifiche sarà la Regione a rimetterci oltre dieci milioni di euro e non ci sarà alcuna più richiesta di locazione. Sarà ora la magistratura a dare le dovute risposte, ma a noi intanto è già chiara la risposta politica: con questa operazione si è sottratto un bene alla pubblica fruizione, per favorire interessi privati”. Lo dichiarano la presidente della Commissione speciale Trasparenza Valeria Ciarambino e la consigliera regionale M5S Maria Muscarà.

“Ci troveremo a rimpiangere la vecchia gestione del Collana – ha aggiunto Muscarà – quando atleti in erba, i nostri figli, le scuole e gli anziani si allenavano e dal quale sono usciti molti dei nostri campioni. Oggi abbiamo avuto la conferma che chi governa questa terra non è in grado di gestire la cosa pubblica nell’interesse dei cittadini. Una vicenda rispetto alla quale abbiamo presentato esposti a Procura e Corte dei Conti, nella consapevolezza che quando la magistratura è costretta a intervenire per tutelare l’interesse pubblico, la politica ha fallito”.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti