Sesso, le migliori posizioni per far raggiungere l’orgasmo alle donne

0
15.160 Visite

Il missionario – La posizione “base”, la più semplice ed immediata: lei sotto, lui sopra. Poca immaginazione ma rendimento garantito: secondo i sessuologi la posizione del missionario garantisce massimo comfort e intimità alla donna, stimolandone al meglio il clitoride.

La posizione della cowgirl – Se il maschietto non ha molta voglia di faticare, c’è un rimedio sicuro: lui sdraiato supino con la schiena leggermente alzata, la partner seduta sul corpo di lui, dandogli le spalle. Una “cavalcata” che con il Wild West ha poco a che fare. Anche in questo caso, il clitoride femminile risulta ben stimolato e l’orgasmo è più semplice.

La donna sopra – Variante della cowgirl, con la donna girata col volto dalla parte del partner: lo “smorzacandela” garantisce a lei una posizione anche psicologicamente “dominante” e una libertà di movimento totale. Un rovesciamento delle parti che può incidere e non poco nel piacere femminile.

Il cucchiaio – Se ad essere pigre e un po’ svogliate sono le donne, la posizione più soddisfacente è senza dubbio quella del cucchiaio: lei davanti, lui dietro, entrambi sdraiati su un fianco.

La croce – Un po’ più stancante è la “croce” o “forbice”: in questo caso uomo e donna sono sdraiati su un fianco in posizione perpendicolare l’una all’altro e lei, con le gambe aperte a x. Lo strofinamento delle parti genitali garantisce alla donna una stimolazione intensa del clitoride.

La tecnica del cuscino – Qualcuno ha bisogno di qualche “aiutino”. Tranquilli, nessuna pillola o strani oggetti sessuali. A volte basta un cuscino per facilitare l’orgasmo alla partner. Piazzandolo sotto la schiena o sotto la pancia, aiuta movimenti pelvici e contatto tra vagina e pene.

La tecnica dell’allineamento – La posizione secongo gli esperti più gratificante per la donna è quella studiata dallo psicoterapeuta Edward Eichel, una “missionaria” modificata: lei sotto, lui sopra ma senza appoggiare i gomiti. Il piacere è provocato dallo spostamento dell’uomo avanti e indietro. Inutile spiegare che non si possono utilizzare materassini da palestra o carrellini da autofficina, altrimenti sarebbe tutto troppo semplice.

Caviglie in su – Senza stare a scomodare gli equilibrismi orientalieggianti del Kamasutra, una posizione un po’ più ardita ma adatta a tutti è quella in cui la donna, partendo dalla classica “missionaria”, alza le gambe portando le ginocchia al petto del partner o, per le più “snodate”, le caviglie sopra le spalle di lui. Piacere assicurato, anche se magari un po’ di stretching preventivo può giovare al “dopo”.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03