Le estorsioni sui cantieri da parte degli Orlando. Taglieggiati un ex consigliere di Marano e un consigliere di Calvizzano

0
8.134 Visite

Il gruppo Orlando aveva estorto o tentato di estorcere denaro anche a un ex consigliere comunale di Marano, Orazio Castaldo (non indagato), a capo di un’azienda edile, e al consigliere comunale di Calvizzano Antonio Di Rosa (non indagato), ex vicesindaco, quale esecutore dei lavori di carpenteria, per un intervento edile eseguito nel comune di Calvizzano. Castaldo, ex consigliere di Rifondazione, secondo gli inquirenti sarebbe stato oggetto di un’estorsione pari a 26 mila e 500 euro; non quantificata invece quella versata dai coniugi di Calvizzano e da Di Rosa, che avrebbe pagato per la sua parte e girato, per la restante somma, la richiesta estorsiva alla coppia.

I fatti, distinti tra loro, risalgono al marzo e all’aprile di quest’anno, poche settimane prima del blitz che azzerò il clan di Marano. Di Rosa, secondo quanto accertato dai carabinieri, avrebbe incontrato alcuni esponenti del clan Orlando per chiarire la sua posizione. Le richieste sarebbero stati ordite da un gruppo di persone, ognuno con specifiche responsabilità: Castrese Carbone, referente degli Orlando a Calvizzano e imparentato con il boss Luigi Esposito, Raffaele Veccia, Raffaele Orlando, Mario Sarappo, Vittorio Felaco (latitante) e Giuseppe Assenzo.

© Copyright Fernando Bocchetti, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti