Addio alle monete da 1 e 2 cent: «Pagamenti arrotondati»

0
508 Visite

Addio, a partire dal primo gennaio 2018, alle monete da 1 e 2 centesimi. È quanto propone un emendamento del Pd alla manovra-bis (primo firmatario Boccadutri), in cui si specifica che il risparmio derivante dallo stop al conio è destinato al Fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato. «Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, da adottarsi entro il primo settembre 2017 – si legge – si stabiliscono le modalità attraverso cui i pagamenti effettuati in contanti sono arrotondati nel periodo di sospensione».

Stretta contro l’evasione del bollo auto. Gli uffici del dipartimento dei Trasporti e le autofficine autorizzate a fare la revisione dovranno controllare che i proprietari dei veicoli abbiano sempre pagato tassa di proprietà e tassa di circolazione del proprio mezzo e che non sia sottoposto a fermo amministrativo. Lo prevede un emendamento alla manovra-bis presentato dal Pd, primo firmatario Francesco Ribaudo. In caso di mancato pagamento, non è possibile procedere con la revisione del veicolo ed il proprietario è obbligato ad effettuare i pagamenti mancanti.

IVA SU PANNOLINI AL 4%
Abbassare al 4% l’aliquota per i prodotti dell’infanzia: da pannolini a box, da seggiolini a biberon. È la proposta avanzata da Fratelli d’Italia e Sinistra Italiana in due distinti emendamenti alla manovra-bis. Nell’emendamento di Si si chiede un’aliquota agevolata anche per «pannolini riciclabili, latte speciale o vegetale per allergici o intolleranti, prodotti alimentari destinati ai bambini da 0 a 3 anni, prodotti per l’igiene neonatale e per allergici e intolleranti».

PANE SPECIALE 
Applicare, in modo certo e definitivo, l’Iva al 4% anche ai pani speciali, contenenti «gli zuccheri già previsti dalla legge, ovvero destrosio e saccarosio, i grassi e gli oli alimentari industriali ammessi dalla legge, cereali interi o in granella e semi, e semi oleosi, erbe aromatiche e spezie di uso comune». È l’obiettivo degli emendamenti alla manovra presentati separatamente da Pd (primo firmatario Fiorio), Sc e Lega, che puntano a fare chiarezza sull’aliquota da applicare a nuovi prodotti della panificazione o sostitutivi del pane.

Applicare, in modo certo e definitivo, l’Iva al 4% anche ai pani speciali, contenenti «gli zuccheri già previsti dalla legge, ovvero destrosio e saccarosio, i grassi e gli oli alimentari industriali ammessi dalla legge, cereali interi o in granella e semi, e semi oleosi, erbe aromatiche e spezie di uso comune». È l’obiettivo degli emendamenti alla manovra presentati separatamente da Pd (primo firmatario Fiorio), Sc e Lega, che puntano a fare chiarezza sull’aliquota da applicare a nuovi prodotti della panificazione o sostitutivi del pane.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti