Un test con lo smartphone misura a casa la fertilità dell’uomo

0
431 Visite

I ricercatori dell’Harvard Medical School e Massachusetts General Hospital di Boston hanno messo a punto un test per gli uomini, da fare in casa, per verificare la qualità dello sperma e la fertilità.

Come funziona

Lo riporta la rivista Science Translational Medicine che parla di un kit fai-da-te del costo di soli 5 euro che utilizza la tecnologia degli smartphone: in pratica basterà raccogliere un campione di sperma in un apposito contenitore e in pochi secondi (sfruttando il processore e la camera del cellulare) si avranno in dati sulla concentrazione e motilità degli spermatozoi. Gli esperti lo hanno testato su 350 campioni e poi ne hanno dimostrato la semplicità di utilizzo e di lettura dei risultati coinvolgendo dieci volontari che non hanno ricevuto alcuna istruzione in merito, ma si sono limitati a usarlo e leggere da soli i risultati dell’analisi di 100 campioni.

 Rischi connessi

«Il rischio è quello di allontanare dal concetto di salute quello di fertilità – commenta il professor Andrea Salonia, andrologo e urologo presso l’Ospedale San Raffaele di Milano, direttore del San Raffaele Urological Research Institute (URI) -: noi stiamo cercando di dare come messaggio quello che l’uomo infertile ha bisogno di un medico che lo segua perché è tendenzialmente un soggetto meno sano di un altro. È come se avesse un’età biologica di 20 anni in più e se questo strumento si dovesse sostituire alla figura del medico, cioè dovesse diventare un “secondo internet”, a quel punto questo modo di procedere sarebbe più dannoso che utile».

Si può rimediare

L’aspetto positivo invece è parlare dell’infertilità maschile. «Se scopro di avere un problema e questo mi porta a rivolgermi a un urologo, ben venga il test – dice il dottor Salonia – , perché potrò scoprire che esistono cause di malattia in parte curabili per questa condizione. Inoltre c’è una connessione con gli stili di vita che è importante: l’abuso di sostanze, il fumo di sigaretta (il primo fattore di rischio) e anche l’alimentazione possono influire sulla fertilità maschile. Inoltre molti papà sono “incompiuti” perché arrivano tardi a chiedere un aiuto medico. Se questo test mette in evidenza il problema è un buon passo avanti».

7 uomini su 100 infertili

Oggi gli uomini per esaminare la loro fertilità devono far analizzare lo sperma recandosi in ospedale o in centri specializzati e fornendo un campione e i tempi di attesa della risposta non sono brevissimi. Ci sono 45 milioni di coppie nel mondo con problemi di fertilità e si stima che nel 40% dei casi il “problema” sia maschile. In Italia gli uomini infertili sono 7 su 100.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti