E’ morto Gabriele Amorth, il decano degli esorcisti

0
1.492 Visite

E’ morto don Gabriele Amorth, il decano degli esorcisti, autore di decine di libri, amico e consigliere di Papa Wojtyla. Fu il cardinale Ugo Poletti, nel 1985, a nominarlo esorcista della diocesi di Roma, in un periodo in cui parlare di lotta al demonio nella Chiesa era una sorta di tabù. «Abbiamo un clero e un episcopato che non credono più nel demonio, negli esorcismi, nei mali straordinari che il diavolo può dare, e nemmeno nel potere che Gesù ha concesso di scacciare i demoni», diceva sempre il religioso.

Di fatto, trent’anni fa, padre Amorth si lamentava con i suoi superiori perchè gli esorcisti non solo avevano tanto lavoro ma erano costretti a lavorare di nascosto, “come i topi nelle fogne”. In quel periodo cresceva l’attrazione della gente e dei giovani verso la magia bianca, le pratiche dell’occulto, le messe sataniche. «I malefici sono di gran lunga la causa più frequente delle possessioni e dei mali procurati dal demonio: non meno del 90 per cento», ripeteva a chi gli domandava conto della sua attività.

Grazie a diverse sue iniziative fu attivata una rete di esorcisti, in Vaticano furono riviste le preghiere di liberazione e si fece largo una maggiore attenzione al fenomeno dell’occulto. Padre Amorth era convinto che la stragrande maggioranza delle persone che si rivolgevano a lui fossero in qualche maniera malate, sofferenti di qualche patologia o nevrosi, mentre solo una piccola percentuale era costituita da indemoniati veri e propri.

Il Mattino

© Copyright Redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti