Super green pass, Speranza, giornaloni e governatori spingono per il sì. Senza vaccino niente stadi, ristoranti e teatri

0
892 Visite

Il certificato verde diventerà un «super green pass». Vale a dire che non si otterrà più con il tampone, ma solo con il vaccino o con la guarigione dal Covid. Il nodo da sciogliere, domani nella cabina di regia politica con il premier e poi nel Consiglio dei ministri, è se le nuove regole scatteranno quando una regione entra in zona gialla o arancione, come chiedono tanti governatori, o se debbano valere per tutti anche in zona bianca. «Restrizioni da subito per i non vaccinati a prescindere dal colore», alza l’asticella Forza Italia con il calabrese Occhiuto.

Mascherina all’aperto
Il governo potrebbe maturare l’idea di imporre il ritorno della mascherina all’aperto per tutti, sull’intero territorio nazionale. Lo ha proposto il governatore veneto Luca Zaia ma la decisione non è presa.

Terza dose
Quel che invece è deciso è l’anticipo della terza dose dopo 5 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario. L’Aifa ha dato il via libera «in un’ottica di massima precauzione». Speranza inoltre sta lavorando per sbloccare la dose booster per tutti, senza più limiti di età.

Controlli dall’estero
A Palazzo Chigi assieme al ministro della Salute c’erano Mariastella Gelmini, responsabile dei Rapporti con le Regioni e il sottosegretario alla presidenza, Roberto Garofoli. I governatori, guidati da Massimiliano Fedriga, erano in videocollegamento. «Le chiusure generalizzate dopo le vaccinazioni non sarebbero sopportabili — ha dato la linea il presidente della Conferenza — Chi è vaccinato deve avere minori restrizioni». Per salvare le attività commerciali le Regioni hanno chiesto il green pass per i soli immunizzati e maggiori controlli per chi arriva dagli Stati esteri dove alto è il numero dei contagi.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03