Marano, la mission del segretario del Pd Sorrentino: stanare i doppiogiochisti all’interno del suo partito

0
600 Visite

La mission del segretario cittadino del Pd, Roberto Sorrentino, appare chiara: stanare i doppiogiochisti (per qualcuno anche triplogiochisti) che si annidano nel Pd. Ovvero coloro che, se da un lato sostengono di avallare la linea della segreteria cittadina, dall’altro stanno tramando o lavorando sottotraccia per far sì che Visconti non vada a casa.

Sorrentino è stato chiaro: se il sindaco non azzera la giunta il Pd dovrà trarne le dovute conseguenze. Che, tradotto dal politichese, significa che il primo cittadino sarà sfiduciato. Ufficialmente nessuno si è opposto alla linea dettata dal segretario, ma è noto a tutti che quasi tutti i consiglieri dem di andare a casa non ne vogliono sapere. Spirito di sopravvivenza, tornaconti personali e politici, ripicche contro alcune correnti interne al Pd: questo il motivo per cui qualcuno vuole mantenere in piedi la baracca almeno fino all’autunno.

Sorrentino, però, a giorni dovrà dare l’ultimatum al sindaco e ai suoi: dieci-quindici giorni massimo e poi si dovrà agire. Di azzerare la giunta Visconti non vuole nemmeno sentirne parlare: è legato ad alcuni assessori da rapporti che vanno ben oltre la politica e quindi non vuole e non può mandarli via.

Intanto i suoi pretoriani, gli yes man del sindaco, si muovono su vari fronti per tentare di allargare la maggioranza nel caso in cui il Pd dovesse venir meno. Può già contare sul sostegno (non ufficiale ma ormai di fatto acclarato) di Abbatiello e Catone e, nel contempo, sono stati sondati altri consiglieri di minoranza, che avrebbero però risposto picche.

 

 

© Copyright Fernando Bocchetti, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03