Punti di vista. G8 Genova 20 anni dopo. Cosa è cambiato e cosa siamo adesso?

0
926 Visite

Un po’ come per l’11 settembre, ognuno di noi ancora ricorda dove era mentre assisteva al disastro di Genova nei giorni del G8. Io, ad esempio, immatura, disinteressata, inattiva ed inoperativa ero seduta sul divano di casa e guardavo le immagini in tv. Ricordo tutt’ora quanta angoscia mi salì (che orribile sensazione). In fondo si chiedevano attenzioni verso richieste giuste: un mondo migliore. A distanza di 20 anni nulla è stato, ah no! chiedo venia, la crisi climatica ha raggiunto livelli quasi irreversibili, le disuguaglianze globali (sociali, economiche e finanziarie) sono innegabili e la pandemia ci ha messo a dura prova (in molti hanno visto nella globalizzazione il problema, puntandovi contro il dito). Allora? Penso che, mentre in piazza si gridava “un altro mondo è possibile”, oggi, condivido chi ancora urla un altro mondo è urgentemente necessario. Intanto sembra che nulla cambierà se non per peggiorare; disinteressarsi alla politica, all’attivismo sociale e a quanto ci circonda (sia esso a livello locale, nazionale o internazionale) non è un quieto vivere, è deleterio e distrugge l’oggi ed il futuro. Io, nel mentre, credo che un altro mondo è ancora possibile, basta volerlo, in tanti.

Franca Russo, già vicesindaco Comune Mugnano.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03