Il sequestro del centro per migranti a Mugnano. Botta e risposta Fdi-Sarnataro

0
740 Visite

Centro Accoglienza Immigrati, il Sindaco e maggioranza “distratti” e responsabili. Abbiamo più volte richiamato l’amministrazione Sarnataro per i mancati controlli alla struttura, sin dall’inizio i conti non tornavano; troppo gli immigrati in uno stabile che ne poteva contenere molti di meno. Purtroppo nonostante il sindaco, come a lui piace ricordare è un operatore del settore (mediatore culturale e già dipendente del consorzio CIDIS, lo stesso che gestisce lo SPRAR di via Sacro Cuore a Mugnano) non ha accolto i nostri appelli favorendo di fatto le attività illegali del gestore.

Nota stampa Fdi Mugnano

“Il centro di accoglienza Freedom – spiega il sindaco Luigi Sarnataro – fu aperto con atto deciso dalla prefettura di Napoli e fu, in pratica, una decisione subita dalla nostra amministrazione. Oggi (ieri, ndr) i Nas hanno optato per il sequestro e ora sarà compito della prefettura preoccuparsi della futura destinazione dei migranti. Noi, come amministrazione, ci siamo assunti le nostre responsabilità promuovendo e aprendo uno Sprar con tutti i crismi di legge, nonché reale modello di integrazione”.

Nota stampa sindaco Mugnano Luigi Sarnataro

Il centro di accoglienza di via IV Martiri, ieri chiuso dai carabinieri del Nas, fu oggetto di controlli già nell’autunno del 2017. I Nas, già al tempo, rilevarono alcune irregolarità urbanistiche (realizzazione di alcuni ambienti) che dovevano essere sanate.

Nota di redazione

 

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti