Marano, la commissione chiamata a vagliare le pratiche di condono edilizio? Altro flop. Solo due professionisti sono arruolabili e lo hanno scoperto dopo un anno e mezzo

0
1.578 Visite

Ormai è più di un anno e mezzo che lo scriviamo. Il Comune, in dissesto finanziario, ha necessità di fare cassa e per fare cassa, evitando di colpire i soliti noti, non ha altra scelta che stanare gli evasori dei tributi comunali e incassare qualche milioncino dalle pratiche di condono edilizio che giacciono negli uffici dell’ente da tempo immemore.

L’amministrazione Visconti è ferma su entrambi i punti e lo sarà ancor di più anche su altri fronti. A causa dei ritardi sul varo del Puc, infatti, non potrà rilasciare i permessi di costruire.

Quanto alla commissione per il vaglio delle pratiche del condono, voluta a suo tempo dai commissari straordinari, non si è mai insediata ed è ormai certo che tra i quasi dieci prescelti (grazie a una selezione pubblica) soltanto due saranno eventualmente arruolati. Gli altri, secondo quanto trapelato dall’ufficio tecnico, mal diretto durante la gestione Di Pace e oggi mal diretto sotto la gestione Mucerino, sarebbero incompatibili.

L’ufficio tecnico comunale potrebbe (tranquillamente) non essere diretto da nessuno e il Comune risparmierebbe altri 100 mila euro l’anno. Tanto, da almeno 20 anni, come fanno notare in tanti, è “gestito” sempre dai soliti noti.

 

© Copyright Fernando Bocchetti, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti