Franco Ricciardi e Ivan Granatino rapinati sull’asse mediano: «Che paura!»

0
1.099 Visite

A parlare dell’episodio è stato il giovane rapper, che ha descritto la dinamica dell’accaduto a Radio Marte nel corso del programma La Radiazza: «Io e Franco eravamo bloccati in un ingorgo sull’Asse Mediano, all’altezza dell’uscita Sant’Antimo-Sant’Arpino, quando si sono avvicinati due ragazzi sul motorino – ha raccontato Ivan Granatino, raggiunto telefonicamente dal conduttore, Gianni Simioli – Uno di loro è sceso dal motorino e ci ha puntato la pistola contro».
Una sequenza durata pochi secondi: «Si è svolto tutto molto in fretta e non credo ci abbiano riconosciuti, di certo ho avuto molto paura – ha detto ancora il cantante –. Si sono presi l’orologio, un bracciale, una collana e un paio di occhiali Gucci, ma il danno economico è relativo. Mi ha fatto molto più male vedere dei ragazzini rischiare la vita per così poco».

Granatino, che parlava da un treno diretto a Milano, ha poi proseguito: «Probabilmente il ragazzo era più spaventato di me e magari quella era una pistola giocattolo. Con questo non voglio giustificarlo o assolverlo, voglio solo dire che a questi ragazzi bisogna dare dei valori e offrire delle alternative. A quell’età dovrebbero pensare a studiare e a costruirsi un futuro, mentre nel 2020 fa male vedere che per strada c’è ancora tanto disagio sociale». E ha concluso: «Non ho ancora sporto denuncia per mancanza di tempo, lo farò sicuramente quando rientro a Napoli, perché sono comunque dalla parte della legalità. Dico solo che se a 16 anni vanno a fare le rapine, magari con la pistola finta e la mano che trema, rischiando la vita per un paio di occhiali Gucci, vuol dire che la colpa è anche di chi a questi ragazzini sta dando esempi sbagliati».

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti