Il giudice Capuano resta in carcere. Per il Riesame “è al servizio di interessi privati”

0
671 Visite

Bollano come «sconcertanti» le vicende legate all’inchiesta a carico del giudice Alberto Capuano, in cella dallo scorso luglio per un’ipotesi di corruzione. In una sessantina di pagine, i giudici del Riesame di Roma confermano – nelle linee generali – le accuse dei pm romani su un presunto scambio di favori e utilità avvenuto all’ombra del Tribunale di Napoli. Motivazioni durissime che sottolineano la continua «disponibilità» offerta dal magistrato napoletano, nei confronti di soggetti tutt’altro che specchiati, nel raccogliere informazioni sui loro processi, ma anche nell’assicurare consigli sullo svolgimento delle inchieste a carico dei suoi interlocutori.

Il Mattino

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti