La crisi di governo più pazza di sempre: ora Del Rio propone un patto alla tedesca ai 5 Stelle

0
665 Visite

Un “accordo alla tedesca“. È quello che propone Graziano Delrio al Movimento 5 Stelle per governare insieme senza tornare alle elezioni.

“Come Cdu e Spd, una cosa scritta”, dice l’ex ministro ai Trasporti, “Ci si mette a sedere, si tratta, si analizza ogni punto per il bene del Paese, convocando le menti migliori, per dare un’impronta diversa”. E snocciola pure i temi da affrontare: immigrazione, lavoro, il cuneo fiscale, il salario minimo e il reddito di cittadinanza”.

Esattamente quello che il 4 aprile 2018, a un mese dalle elezioni Politiche che non avevano dato un esito chiaro, diceva Luigi Di Maio intervistato da Giovanni Floris a Di Martedì. “Il contratto di governo sul modello tedesco è un impegno davanti ai cittadini chiaro, dettagliato e completo”, diceva il capo politico dei 5S, “Si tratta di decine e decine di pagine con proposte e obiettivi specifici, riferimenti di spesa precisi e con cui si spiega esattamente cosa si vuole fare ed entro quanto tempo. Non si tratta quindi di uno sterile scambio di poltrone tra forze politiche come è stato fatto fino ad adesso, ma una proposta alla luce del sole per dare avvio a un governo che si preoccupi finalmente delle necessità dei cittadini“.

Allora l’offerta dei 5 Stelle era rivolta sia alla Lega che al Partito Democratico. La cosiddetta “politica dei due forni” che ha contraddistinto la strategia grillina all’inizio della legislatura. Alla fine furono proprio i dem a far spegnere il proprio forno, ma ora – pur di non riaffrontare di nuovo le urne e confrontarsi con il consenso guadagnato dalla Lega e dal centrodestra unito – sono pronti a far proprie le parole di Di Maio.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti