La villa dei Polverino di via Del Mare sarà gestita dalla cooperativa “Giglio”. La struttura fu sequestrata nei mesi scorsi

0
villa marano
43 Visite

La mega villa dei Polverino, sequestrata nei mesi scorsi a un prestanome del super boss Giuseppe, sarà affidata alla cooperativa “Giglio”. La struttura, finita nel mirino della Procura di Napoli, è quella di via Del Mare ed è composta da diciotto vani oltre ad essere dotata di un ampio giardino. Era intestata a Gennaro Di Razza, un imprenditore giuglianese collegato alla potente fazione malavitosa di Marano, egemone sul territorio dagli anni Novanta e fino a qualche tempo fa. La cooperativa “Giglio”, gestita dalla famiglia Tagliaferri, da tempo attiva in molti comuni dell’area nord di Napoli, la trasformerà in una casa d’accoglienza per sfrattati, senza fissa dimora, persone che hanno perso il lavoro e impossibilitate a reperire alloggi alternativi. All’interno della villa, che si snoda su più piani, si terranno tantissime attività, tutte all’insegna della solidarietà e del sostegno ai residenti in difficoltà.

L’accordo per l’affidamento dell’immobile alla cooperativa Giglio è stato raggiunto nei giorni scorsi. A seguire l’iter il curatore giudiziario nominato dalla Procura e Giovanni Tagliaferri, direttore della cooperativa e presidente di altre associazioni impegnate da anni anche sul fronte dell’accoglienza dei migranti. Villa Excelsia – nelle intenzioni dei nuovi gestori, che hanno sottoscritto un contratto annuale rinnovabile per almeno altri quattro anni  – sarà un punto di riferimento anche per gli altri operatori del terzo settore o del volontariato intenzionati a proporre progetti e laboratori per inoccupati, disabili e bambini autistici. “Chiunque potrà dare il proprio contributo – spiegano i responsabili della cooperativa “Giglio” – Stiamo definendo gli ultimi tasselli con il curatore giudiziario. Ci insedieremo ufficialmente a partire dal 1 giugno”. Quella sequestrata nei mesi scorsi – secondo le ricostruzioni del pm della Dda di Napoli Maria Di Mauro – doveva fungere da dimora per uno dei due figli di Giuseppe Polverino.

© Copyright Fernando Bocchetti, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti