La Corte europea: «Acerra, stop all’ampliamento dell’inceneritore»

0
339

No a nuovi inceneritori e all’ampliamento di quelli esistenti. A stabilirlo è stata ieri pomeriggio la Corte di giustizia europea. I giudici del Lussemburgo hanno infatti bocciato il decreto SbloccaItalia del 2016, dando ragione ai comitati ambientalisti che avevano fatto ricorso. Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, ma anche all’aumento dei quantitativi di rifiuti da bruciare in quelli già operativi senza una valutazione di impatto ambientale strategica. Saranno bloccati di fatto,  la realizzazione di un nuovo impianto in Campania (8 in tutt’Italia) previsto dall’allora governo Renzi per soddisfare lo smaltimento dei rifiuti e la costruzione di una quarta linea per l’inceneritore di Acerra predisposta dal governatore De Luca. Soddisfatti i comitati ambientalisti accorsi in massa in Lussemburgo.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti