Mercato Marano, da oggi in Gazzetta Ufficiale il bando per l’assegnazione degli stalli. Ecco il riepilogo dei requisiti richiesti

0
631

Da oggi è pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando per l’assegnazione degli stalli al mercato ortofrutticolo di via Unione Sovietica, chiuso con ordinanza commissariale otto mesi fa. A partire da oggi – come indicato nel bando – gli interessati avranno 30 giorni di tempo per presentare le proprie domande al Comune di Marano. Il bando è pubblicato anche su due quotidiani a tiratura regionale e nazionale.

Ecco il riepilogo dei requisiti richiesti:

Sono venti gli stalli messi a bando dall’ente cittadino. Per l’individuazione dei nuovi concessionari saranno ammesse solo le domande, per l’attribuzione dei punteggi, che avranno un’offerta pari o superiore ai 2mila 675 euro, prezzo a base d’asta.

La concessione avrà una durata quinquennale (5 anni) e l’appaltatore dovrà presentare una cauzione anticipata pari a 5 mensilità. Il canone annuo sarà aggiornato in base al codice Istat.

In caso di mancato pagamento di 3 mensilità, nell’arco di un anno, il Comune potrà revocare la concessione. Il concessionario, all’atto della stipula del contratto, deve impegnarsi a presentare una polizza assicurativa per un valore (minimo) di 500 mila euro ed un massimo di 5 milioni di euro.

Possono rispondere al bando i commercianti all’ingrosso di prodotti ortofrutticoli, i titolari di concessioni e mandatari, consorzi e cooperative di produttori, produttori ortofrutticoli, singoli o associati e le imprese che provvedono alla lavorazione dei prodotti.

I soggetti devono essere iscritti alla camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura; devono essere in regola con il Durc, non devono avere in corso procedimenti fallimentari e devono possedere tutti i requisiti di legge in materia di antimafia.

Saranno esclusi dalle assegnazioni coloro che sono identificati come delinquenti abituali, professionali o per tendenza, salvo che abbiano ottenuto la riabilitazione; coloro che hanno riportato condanne, passate in giudicato, per delitti non colposi; coloro che hanno riportato condanne per riciclaggio, ricettazione, insolvenza, bancarotta fraudolenta, usura, rapina, delitti contro la persona, commessi con violenza o estorsione, associazione a delinquere e  corruzione.

Coloro che hanno riportato condanne, con sentenza passata in giudicato, per reati contro l’igiene e la sanità pubblica o per delitti di frode nella preparazione o commercio di alimenti previsti da leggi speciali. E ancora: coloro che non sono in regola, per violazioni gravi, con la vigente normativa fiscale, previdenziale e contributiva.

I concessionari non potranno cedere in subappalto i posteggi assegnati dal Comune e dovranno denunciare alle forze dell’ordine ogni tentativo di estorsione, intimidazione e richiesta di tangenti. Non potranno inoltre mutare la destinazione degli stalli concessi o procedere trasformazioni e modifiche degli immobili.

Tre le buste da consegnare: una per l’offerta economica, un’altra con la documentazione amministrativa e infine una con la documentazione tecnico-qualitativa.

 

© Copyright Fernando Bocchetti, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
Condividi il tuo voto!


Dopo aver letto questo articolo mi sento...
  • Affascinato
  • Felice
  • Triste
  • Arrabbiato
  • Annoiato
  • Impaurito

Commenti