La nuova geografia criminale di Napoli e provincia: chi comanda, gli affari e i mutamenti

0
9606

Un po’ Olanda, un po’ Spagna, un po’ Marocco. E un poco Puglia. Si parlano tante lingue da queste parti, qui nella fetta di area metropolitana più popolosa d’Italia (densità abitativa tra le più alte al mondo), tra la periferia orientale di Napoli e la zona nolana e vesuviana, per poi approdare all’area stabiese, fino alle meraviglie paesaggistiche della penisola sorrentina. Un mondo a parte, per gli inquirenti anticamorra – siamo nell’area meridionale e orientale di Napoli – che hanno censito in questi mesi la coesistenza di ben 54 famiglie criminali (che si uniscono alle ottanta famiglie del centro napoletano e alla trentina di cosche dell’area nord occidentale, per un totale di 160 clan censiti dalla Dia). Tutte insieme, gomito a gomito, in una coesistenza dettata dagli affari, all’ombra di dynasty di antico lignaggio e di nuove leve date come emergenti. Un miracolo di diplomazia mafiosa? Niente affatto, a leggere la ricostruzione degli analisti della Dia (sotto la guida del capocentro Lucio Vasaturo), nella relazione semestrale datata 2018.

Vocazioni, business, attitudini diverse, che trovano punti di contatto: la droga, le imprese, il food e il turismo sono i talenti di vecchi e nuovi clan dell’area a sud di Napoli.

La camorra a Napoli e provincia: tutti i clan

Nella camorra napoletana comandano i giovani. È ciò che emerge dalla semestrale relazione della Direzione investigativa antimafia sulla criminalità organizzata su tutto il territorio nazionale. Nell’analisi del 2018 attraverso le indagini svolte in città e in provincia, emerge con prepotenza che la nuova scena della camorra partenopea è controllata dalle nuove generazioni subentrate ai vecchi capi camorra finiti nelle maglie della giustizia grazie anche all’utilizzo dei pentiti.

Il centro storico di Napoli è diventato il terreno di lotte tra clan che provano a ristabilire gli equilibri di potere e il controllo delle attività criminali come il traffico di stupefacenti e le estorsioni. Questo spiegherebbe i diversi attentati e azioni dimostrative che hanno caratterizzato tutto l’anno scorso. Una situazione di instabilità e frammentazione sottolineata già nelle due relazioni dello scorso anno. Le azioni dei nuovi gruppi criminali sono caratterizzate da una crescente ferocia per provare a dimostrare la propria forza sul territorio che cercano di accaparrarsi.

In provincia la situazione è diversa. A farla da padrone sono sempre i gruppi storici nonostante siano stati falcidiati dalle indagini dell’Antimafia. I legami familiari e verticistici che caratterizzano le organizzazioni criminali della provincia permettono alle stesse di rimanere saldamente al controllo del territorio e di riuscire a mimetizzare le attività illecite nel tessuto sociale.

Tutti i clan, le famiglie e i gruppi di Napoli 

Area Centrale – quartieri Avvocata, San Lorenzo/Vicaria, Vasto Arenaccia, San Carlo Arena/Stella, Mercato/Pendino, Poggioreale, Montecalvario, Chiaia/San Ferdinando/ Posillipo

MAZZARELLA, GIULIANO-SIBILLO-AMIRANTE-BRUNETTI, RINALDI, CONTINI, VICORITO-DE MARTINO, RICCI-SALTALAMACCHIA, AMIRANTE, FERRAIUOLO, CALDARELLI, LICCIARDI, MALLARDO, SARNO, MARIANO, FARELLI, ELIA, BRUNETTI, MASIELLO – MAZZANTI, LEPRE, VASTARELLA, SEQUINO, SAVARESE, GENIDONI-SPINA-ESPOSITO, MAURO, PICCIRILLO/FRIZZIERO, CIRELLA, STRAZZULLO, INNOCENTI, CALONE.

Area Orientale – quartieri Ponticelli, S. Giovanni a Teduccio, Barra

MAZZARELLA, RINALDI, DE LUCA BOSSA-MINICHINI, SCHISA, APREA, D’AMICO, FORMICOLA, CUCCARO, CELESTE, GUARINO, ALBERTO

Schermata 2019-02-13 alle 18.54.48-2

Area Settentrionale – quartieri Vomero ed Arenella, Secondigliano, Scampia, San Pietro a Patierno, Miano, Piscinola, Chiaiano.

CIMMINO, SIMEOLI, POLVERINO, ORLANDO, DI LAURO, VANELLA GRASSI, PETRICCIONE-MENNETTA-MAGNETTI-ACCURSO, AMATO-PAGANO, MARINO, MARFELLA-PESCE, GRIMALDI, LICCIARDI, CESARANO, LEONARDI, ABETE, NOTTURNO, ABBINANTE, LO RUSSO, PERFETTO, NAPPELLO, BALZANO.

Area Occidentale – quartieri Fuorigrotta, Bagnoli, Pianura, Soccavo, Rione Traiano

GIANNELLI, ESPOSITO, SORPRENDENTE-ROSSI, D’AUSILIO, VITALE-TRONCONE, ZAZO, MELE, VIGILIA, GRIMALDI, SORIANIELLO, PUCCINELLI-PETRONE, CUTOLO.

Schermata 2019-02-13 alle 18.55.11-2Area provinciale

Provincia di Napoli – Area occidentale

Pozzuoli e Quarto: BENEDUCE-LONGOBARDI

Bacoli e Monte di Procida: PARIANTE

Provincia di Napoli – area settentrionale

Giugliano in Campania: MALLARDO, DI BIASE

Qualiano, Villaricca: MALLARDO

Villaricca: FERRARA, CACCIAPUOTI

Afragola, Casavatore, Crispano, Caivano, Casoria, Cardito, Carditello, Frattamaggiore, Frattaminore: MOCCIA

Crispano: CENNAMO

Caivano (Parco Verde): CICCARELLI

Melito di Napoli, Mugnano ed Arzano: AMATO PAGANO

S. Antimo: VERDE, PUCA, PETITO, RANUCCI, D’AGOSTINO, SILVESTRE,

Casandrino: MARRAZZO

Marano di Napoli, Quarto, Qualiano e Calvizzano: NUVOLETTA, POLVERINO, ORLANDO, c.d. dei Carrisi

Acerra: DI BUONO, AVVENTURATO

Casalnuovo e Volla: REA-VENERUSO, PISCOPO-GALLUCCI

Provincia di Napoli – area meridionale

San Giorgio a Cremano: TROIA, LUONGO

Ercolano: ASCIONE- PAPALE, BIRRA- IACOMINO,

Portici: VOLLARO

San Sebastiano al Vesuvio: PISCOPO,

Torre del Greco: FALANGA

Torre Annunziata:  GIONTA, GALLO, VENDITTO, TAMARISCO e CHIERCHIA. TERZO SISTEMA

Boscoreale: ANNUNZIATA-AQUINO, VISCIANO, PESACANE e GALLO-LIMELLI-VANGONE

Castellammare di Stabia: D’ALESSANDRO, IMPARATO

Pompei: CESARANO

Gragnano e Pimonte: DI MARTINO

Prvincia di Napoli – area orientale

Nola: RUSSO

San Vitaliano, Scisciano, Cicciano, Roccarainola: SANGERMANO

San Giuseppe Vesuviano: FABBROCINO, BATTI

Poggiomarino e Striano: GIUGLIANO

Somma Vesuviana e S.Anastasia: D’AVINO e ANASTASIO

Castello di Cisterna e Marigliano: CASTALDO-CAPASSO

Castello di Cisterna e Brusciano: REGA

Cercola e Pomigliano d’Arco: gruppi napoletani

 

 

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti