Un detenuto al Riesame: «C’era un piano dei Cesaro per calunniare il pm Di Mauro». Gli avvocati degli imprenditori smentiscono

0
1788

Gli imprenditori Aniello e Raffaele Cesaro, fratelli del deputato di Fi ed ex presidente della Provincia di Napoli Luigi Cesaro, che sono in carcere dal maggio dello scorso anno perché ritenuti in rapporti di affari con il clan camorristico dei Polverino, avevano progettato un piano per calunniare il sostituto della Dda Mariella Di Mauro, titolare dell’inchiesta, accusandola falsamente di condurre l’indagine a loro carico per motivi politici. È quanto afferma un detenuto per rapina nel carcere di Poggioreale e in particolare nello stesso padiglione dove sono reclusi i fratelli Cesaro. Il verbale di interrogatorio reso in qualità di testimone dal detenuto – le cui dichiarazioni sono al vaglio degli inquirenti – è stato depositato dai pm della Dda agli atti del Tribunale del Riesame di Napoli chiamato a pronunciarsi sulla richiesta di revoca della ordinanza cautelare nei confronti di Cesaro. Dopo essersi soffermato sui rapporti intessuti a Poggioreale con i Cesaro – ai quali avrebbe estorto anche somme di denaro per garantire la loro incolumità in carcere – l’uomo ha raccontato che gli imprenditori gli promisero 30mila euro se avesse denunciato che la pm Di Mauro induceva gli indagati a rendere false dichiarazioni di accusa («questa proposta di pagarmi per calunniare la pm me la fece Aniello che disse che la pm era fascista e che faceva questo processo perché erano prossime le elezioni e quindi vi erano anche motivi politici»). Il detenuto ha dichiarato che ciò «serviva a sollevare un polverone», e che gli imprenditori gli promisero in cambio anche la messa a disposizione per i suoi familiari di un appartamento di loro proprietà a Milano.

“Si tratta di oblique farneticazioni dettate dal risentimento determinato da insoddisfatte richieste estorsive. I miei assistiti non si faranno massacrare da calunnie tanto evidenti quanto strumentali e restano ancora in attesa che le plurime denunce presentate all’Autorità Giudiziaria per gravissimi reati consumati ai loro danni vengano perseguiti con fermezza e rigore”. Lo afferma il prof. Vincenzo Maiello che unitamente al professor Franco Coppi e agli avvocati Raffaele Quaranta e Paolo Trofino assiste gli imprenditori Aniello e Raffaele Cesaro.

Fonte Il Mattino

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
Condividi il tuo voto!


Dopo aver letto questo articolo mi sento...
  • Affascinato
  • Felice
  • Triste
  • Arrabbiato
  • Annoiato
  • Impaurito

Commenti