Il Giugliano non sa più vincere e il dg Crisano attacca l’arbitro

0
180

Al termine della sfida tra Giugliano e San Giorgio 1926, terminata sul risultato di zero a zero nonostante l’inferiorità numerica dei tigrotti per lunghi tratti della gara, il diggì gialloblè Nicola Crisano ha analizzato la prova della squadra ai microfoni di Sport Event: “Rispetto a sette giorni fa ho visto una squadra che oggi ha messo tanto in campo, si è vista maggiore convinzione ed una condizione fisica migliore. Indubbiamente c’è ancora tanto lavoro da fare, siamo da dieci giorni a Giugliano, però per me in questo momento un pari col San Giorgio è come una vittoria anche perchè ho notato che la squadra in campo voleva il risultato positivo“.

Sull’inferiorità numerica: “Siamo rimasti in dieci in un modo imbarazzante, sono da tanti anni nel mondo del calcio e chi mi conosce sa che parlo difficilmente degli arbitri ma oggi il direttore di gara ha voluto fare il protagonista e la cosa mi ha dato molto fastidio. Non trovo giusto penalizzare una società ed una tifoseria cacciando con un rosso diretto un calciatore per una reazione che non ritengo così grave“.

Analisi degli obiettivi, immediati e futuri: “In questa squadra tutti sono importanti, da Tarallo all’ultimo dei giovani, chi viene chiamato in causa è per meriti e perchè ritenuto dal nostro staff un calciatore importante. Stiamo lavorando tantissimo in settimana e forse anche per questo i ragazzi stanno un pò pagando in campo, la carenza principale di questa squadra era la condizione fisica ed il prof sta lavorando per portare il gruppo ad un livello di forma accettabile per quelli che sono i nostri obiettivi. Abbiamo una rosa con tanta qualità, il mister cercherà assieme al suo staff di mettere a regime la squadra sia dal punto di vista atletico che tattico ed oggi ho visto per la prima volta un pò d’ordine in campo, anche dopo l’inferiorità numerica la squadra non si è disunita mantenendo le giuste posizioni con grande spirito di sacrificio”.

Plauso al pubblico giuglianese: “I nostri tifosi mi entusiasmano tanto, grazie a loro è come se avessimo giocato in undici nonostante l’inferiorità numerica, mi sono innamorato di questi colori e proverò a dare grandi soddisfazioni a questa gente e ad un Presidente che nelle sue vene ha sangue gialloblù“.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
Condividi il tuo voto!


Dopo aver letto questo articolo mi sento...
  • Affascinato
  • Felice
  • Triste
  • Arrabbiato
  • Annoiato
  • Impaurito

Commenti