Giugliano sconfitto a Maddaloni da un eurogol

0
286

Prima sconfitta tra Coppa Italia e campionato per i Tigrotti di mister Amorosetti, assolutamente immeritata per quanto visto sul terreno di gioco.

La compagine giuglianese si è dovuta presentare in campo povera di due centrali titolari come Caiazza e Castaldo fermi per infortunio e quindi è stato ancora una volta capitan Maisto ad essere adattato nel ruolo di centrale (con ottimi risultati), accanto a Pirozzi.

Pur dando un ottimo contributo in difesa, l’assenza di Maisto a centrocampo si è fatta sentire molto, perchè sono mancate le sue geometrie e nonostante l’impegno profuso da Aprile, che ha lottato su ogni palla, non ha tra le sue caratteristiche quella di impostare il gioco.

Il primo tempo è scivolato via in maniera blanda e confusionaria, da entrambi i lati nessuna manovra da segnalare degna di tale nome, ma tutto è cambiato al minuto 40.

L’unico centrale difensivo rimasto di ruolo, Gennaro Pirozzi, è stato costretto ad uscire per un risentimento muscolare e così la sfortuna sembra aver preso di mira la retroguardia dei Tigrotti.

Amorosetti a quel punto ha mandato in campo il classe ’98 Narciso, formando una coppia del tutto inedita con Maisto.

Mentre la difesa stava si stava ancora organizzando con l’innesto di Narciso e con il morale non al meglio vista l’infinita emergenza nel reparto la Maddalonese ha colpito.

Proprio al 45′ l’attaccante Monaco Di Monaco ha trovato un eurogol, che poi è risultato decisivo. Tiro potente e preciso che si è insaccato sotto l’incrocio dei pali alla sinistra dell’incolpevole Navarra.

Questa è stata la prima ed unica volta che la Maddalonese si è fatta viva dalle parti dell’estremo difensore del Giugliano per l’intera gara.

Il Giugliano è sembrato poco lucido e non è riuscito mai ad imbastire un’azione corale, difficile ricordare due passaggi di fila dei gialloblu.

Nella ripresa i Tigrotti si sono riversati nella metà campo avversaria alla ricerca del pari, ma con il solito schema, lancio per la testa di Tarallo e speranza di una sponda vincente. Troppo facile per la difesa avversaria avere la meglio così.

Qualcosa è cambiato nel finale quando Amorosetti ha deciso di schierare Del Grande al posto del centrocampista Coppola. Tra i tanti attacchi seppur arrivati tra la confusione generale, il Giugliano ha sfiorato il pari all’85’ ma il diagonale di D’Angelo ha solo sfiorato il palo. Dopo 5 minuti di recupero è arrivato il triplice fischio e la prima sconfitta per i Tigrotti.

La sfortuna sta sicuramente danneggiando la formazione gialloblu, ma è da 2 gare che non si vedono più manovre fluide e troppi cambi di modulo in corso, che forse destabilizzano ancor di più i calciatori.

Va anche detto che la seconda frazione è stata più e più volta interrotta dai continui falli di ostruzione della Maddalonese e dai vari “infortuni” dei padroni di casa, che una volta a terra vi restavano quasi in eterno ed in questo l’arbitro, il sig. Rapuano di Benevento non è stato bravo nel mettere un freno alle continue perdite di tempo dei casertani.

Una sconfitta che brucia per il Giugliano, perchè nell’unica occasione che la Maddalonese si è fatta viva dalle parti di Navarra ha trovato l’eurogol, il pareggio sarebbe stato sicuramente il risultato più giusto, ma va anche detto che mister Amorosetti e i suoi ragazzi devono essere più decisi e agonisticamente cattivi, partite come queste non vanno perse.

Napolisoccer.it

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
Condividi il tuo voto!


Dopo aver letto questo articolo mi sento...
  • Affascinato
  • Felice
  • Triste
  • Arrabbiato
  • Annoiato
  • Impaurito

Commenti