Le mani della camorra sul Comune di Calvizzano? Gli 007 della prefettura investigheranno per 3 mesi. Tra i commissari il viceprefetto Sergio

0
1344

Le mani della criminalità organizzata sul Comune di Calvizzano, la prefettura invia una commissione d’accesso agli atti. La triade si è insediata intorno alle 14,30. Avranno tre mesi, rinnovabili per altri tre, per capire se la camorra ha influito nelle scelte dell’amministrazione cittadina, oggi retta, dopo la morte del sindaco Giuseppe Salatiello, da Lorenzo Grasso. Sotto i riflettori il piano urbanistico comunale, approvato di recente, ma anche alcune intercettazioni ambientali e telefoniche, che qualche mese fa portarono all’arresto di alcuni camorristi di Marano. In quelle intercettazioni venne fuori il nome di un esponente del civico consesso di Calvizzano, Antonio Di Rosa, con un passato da vicesindaco. I membri della triade commissariale sono i seguenti: il viceprefetto Rosanna Sergio, l’architetto Antonio Bruno, parte integrante della commissione che optò per lo scioglimento del Comune di Marano, e il viceprefetto aggiunto Ciro Silvestro. L’arrivo della commissione, che con ogni probabilità terminerà il suo lavoro a marzo, è un segno concreto che difficilmente si tornerà alle urne già nella primavera del 2018.

© Copyright Fernando Bocchetti, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
Condividi il tuo voto!


Dopo aver letto questo articolo mi sento...
  • Affascinato
  • Felice
  • Triste
  • Arrabbiato
  • Annoiato
  • Impaurito

Commenti