Si è pentito il boss Amirante, a capo della paranza dei bimbi

0
1471
Vincenzo Amirante, 50 anni, latitante dal 9 giugno Ë stato arrestato dalla Polizia nel quartire Forcella, 17 febbraio 2016. ANSA /CIRO FUSCO

Padre di Salvatore Amirante, giovane reggente del cartello che ha unito le nuove leve criminali di Forcella contro il clan Buonerba (detti ‘i Capelloni) legato ai MazzarellaVincenzo Amirante ha deciso di collaborare con la giustizia.

Sotto il suo comando si sono alleati gli eredi della famiglia Giuliano insieme agli Amirante (appunto), i Brunetti e i Sibillo, sodalizio il cui baby boss Emanuele è stato ucciso a luglio del 2015 a soli 19 anni. L’obiettivo era quello di strappare quei vicoletti del centro storico di Napoli al controllo del clan Mazzarella.
 Come riportato da Il Roma, il primo a finire sotto accusa in seguito alle dichiarazioni di Amirante è proprio suo figlio Salvatore. Il boss ha deciso di rivelare agli inquirenti diversi dettagli su alcuni omicidi rimasti irrisolti al tempo della faida contro ‘i Capelloni di via Oronzo Costa.

Non solo, ma l’autorità giudiziaria starebbe avendo informazioni e nomi su chi ha gestito e gestisce tutt’ora le attività illecite di quella zona, dallo spaccio di sostanze stupefacenti fino al racket e alle estorsioni.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
Condividi il tuo voto!


Dopo aver letto questo articolo mi sento...
  • Affascinato
  • Felice
  • Triste
  • Arrabbiato
  • Annoiato
  • Impaurito

Commenti