“Così trasportavamo quintali di monnezza”, il racconto del pentito Domenico Bidognetti

0
1314

Ogni notte il clan dei Casalesi incassava 126 milioni di lire, solo con il traffico illecito dei rifiuti. C’erano dai venti ai trenta camion che tutte le sere, dal lunedì al venerdì, trasportavano novemila quintali di monnezza che finivano sotterrati nelle cave abusive. A raccontarlo è Domenico Bidognetti, cugino del capoclan Cicciotto ‘e mezzanotte e braccio armato della famiglia mafiosa, oggi collaboratore di giustizia.

Il business dei rifiuti

In un libro firmato da Fabrizio Capecelatro, «Il sangue non si lava»(ABEditore), mette nero su bianco il tariffario del clan che grazie alla società Ecologia 89 di Gaetano Cerci (nipote del boss) e le discariche di Cipriano Chianese e Gaetano Vassallo (gestori delle discariche) ha fatto affari d’oro. «Gli imprenditori ci pagavano fra le 180 e le 220 lire al chilo. Nel migliore dei casi, ovvero quelli in cui questi rifiuti venivano effettivamente smaltiti nelle discariche regolari, “Ecologia ‘89” guadagnava fra le 50 e le 90 lire al chilo. Se, invece, venivano sotterrati nelle cave abusive il nostro guadagno arrivava anche a 160 lire al chilo». Bidognetti, detto ‘o Bruttaccione, racconta dei viaggi a Milano insieme a Gaetano Cerci ed Elio Roma (imprenditore del settore trasporti accusato di essere funzionale al clan) per convincere gli imprenditori ad affidare loro lo smaltimento dei rifiuti. «Lì capii che in realtà gli imprenditori facevano soltanto finta di non sapere con chi trattavano il trasporto e lo smaltimento di questi rifiuti, perché gli conveniva, visto che risparmiavano fra il 30 e il 40% rispetto a quello che avrebbero dovuto pagare smaltendoli legalmente». Una volta collaudato il sistema sono gli imprenditori a fare la fila fuori la porta dei casalesi per affidargli il servizio.

Il Corriere

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
Condividi il tuo voto!


Dopo aver letto questo articolo mi sento...
  • Affascinato
  • Felice
  • Triste
  • Arrabbiato
  • Annoiato
  • Impaurito

Commenti